Regione Marche covid-19

Regione Marche covid-19: niente passeggiate o giri in bici senza una comprovata necessità.

Chiusi parchi e giardini pubblici. Attività motoria consentita solo in prossimità dell’abitazione.

Ad ufficializzarlo è stata la Regione Marche con un Ordinanza firmata dal Presidente Ceriscioli nella giornata di oggi 19 Marzo. È la decima da quando è iniziata l’emergenza Coronavirus. Si tratta di un provvedimento che decreta maggiori restrizioni rispetto ai precedenti così da salvaguardare in modo più diretto la salute dei cittadini.

Considerando l’aumento dei casi positivi ed il progredire del contagio che è arrivato a toccare anche le zone montane della Provincia di Fermo, il Presidente Ceriscioli, con tale ordinanza, ha deciso di chiudere i parchi ed i giardini pubblici, per evitare eventuali assembramenti. Inoltre, l’uso della bicicletta e lo spostamento a piedi sono consentiti esclusivamente per motivazioni valide e di necessità (lavoro, ragioni di salute, generi di prima necessità).

Questo è un tema che aveva suscitato molte discussioni nell’ultima settimana, infatti diversi italiani avevano continuato lo stesso a praticare jogging o passeggiate in bici nonostante fosse consentito solamente spostarsi per comprovate esigenze.

Dall’ordinanza si legge che l’attività motoria o l’uscita con animali domestici fa effettuata in prossimità della propria abitazione. Inoltre, le attività di vendita di alimenti e bevande resteranno aperte lungo le autostrade, viceversa nelle strade extraurbane secondarie tali esercizi rimarranno aperti solamente dalle ore 6.00 alle ore 18.00. L’ordinanza entrerà in vigore dalla giornata di domani 20 Marzo e sarà valida fino al prossimo 3 Aprile.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: