Pesaro, nella discarica abusiva cento rottami di auto e 80 tonnellate di rifiuti pericolosi: sequestro e denuncia

PESARO – I miliatri del Roan della Guardia di Finanza hano messo sotto sequestro un’area contenente rifiuti pericolosi, in particolare carcasse di un centinaio di vecchie auto, denunciando il titolare per la violazione delle norme ambientali. Il terreno agricolo usato bausivamente come deposito è stato scoperto con l’elicottero.

all’Autorità Giudiziaria competente per violazione alle normative ambientali sulla gestione dei rifiuti e violazione delle prescrizioni del titolo ambientale autorizzativo. I finanzieri di mare hanno individuato la proprietà e la classificazione dell’area, i soggetti che operavano sul sito, la tipologia di attività posta in essere e l’eventuale possesso di autorizzazioni ambientali per l’esercizio dell’attività di autodemolizione, considerato che sul nudo terreno erano stoccati pezzi meccanici, parti di carrozzeria, agglomerati di pneumatici, pacchi di ferro e scarrabili contenenti materiali ferrosi e di vario genere.

Il controllo amministrativo, condotto nei confronti dell’autodemolitore, appurava la presenza di regolare autorizzazione ambientale all’esercizio dell’attività, ma di contro consentiva di constatare che l’area agricola era usata abusivamente, non essendo autorizzata al deposito dei veicoli fuori uso, mancando un idoneo piazzale che potesse evitare la dispersione di inquinanti nel terreno. In tale contesto è stato infatti accertato che tutti i veicoli parcheggiati sull’area non autorizzata non erano stati sottoposti a bonifica preventiva e messa in sicurezza, con l’eliminazione di tutte le sostanze altamente inquinanti, quali olio motore, filtri olio e carburanti, liquidi refrigeranti, la cui fuoriuscita per il trascorrere del tempo o nel corso delle operazioni di smontaggio pezzi è causa di contaminazione del terreno e della falda acquifera sottostante.

L’intera area abusivamente adibita a deposito rottami ed i circa 100 veicoli fuori uso sono stati sottoposti a sequestro penale ed il responsabile è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria territorialmente competente. I militari delle fiamme gialle, a seguito delle direttive emanate dall’Autorità Giudiziaria di Pesaro stanno procedendo a verificare, con il supporto dell’Arpam, l’osservanza della conseguente diffida della provincia di Pesaro, affinché si provveda alla bonifica e messa in sicurezza dei veicoli fuori uso, all’avvio a smaltimento dei rifiuti, al ripristino dell’area ed all’ottemperanza di tutte le prescrizioni imposte dall’autorizzazione ambientale.

Venerdì 7 Febbraio 2020 Da Redazione
SERVIZIO CIVILE MONTEGRANARO. FONTE :”CORRIEREADRIATICO.IT”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: